Polvere di frutta

#iorestoacasa e non esco neppure a fare la spesa, perché vorrei prima finire tutte le mie provviste, cercando di buttare il meno possibile.

Questo momento ci porta a riflettere su ciò che è essenziale per la nostra sopravvivenza e in particole sul rifornimento alimentare.

Quanto cibo abbiamo in casa che non dobbiamo sprecare?

Confrontiamoci a distanza, raccontiamoci le esperienze culinarie di questo periodo. Sono certa che ne nascerà una nuova educazione alimentare!

Oggi io produco una  polvere aromatica da unire a biscotti, torte e muffin, che offrirà un delicato profumo di frutta alle mie ricette dolci.

POLVERE DI FRUTTA

Ingredienti: buccia di arance, limoni, di agrumi, bucce di mele e pere (quello che avete)

Tenete la buccia della frutta lavata e frullatela in un mixer, poi stendetela su una teglia rivestita di carta da forno.

Essiccate in forno preriscaldato a 50°C fino a che il composto non risulta ben asciutto.

Quando sarete certi che è completamente asciutto,  riponetelo in barattoli di vetro e conservate in dispensa.

Le foglie di scarto

#iorestoacasa e cucino tutto quello che ho, senza sprechi.

Tutti in casa abbiamo scorte con le quali potremmo sopravvivere tanto tempo senza uscire con la scusa della spesa.

In questo difficile momento  di #coronavirus dobbiamo imparare a riconnetterci con la sacralità del cibo che non va mai sprecato.

Dobbiamo aumentare la nostra sensibilità nei confronti della riduzione dello spreco e riattivare la creatività in cucina e sulla conservazione.

#iorestoacasa e invece di trovarmi con voi ai miei corsi, condivido le mie ricette del recupero.

Quando tutto questo sarà finito, torneremo in pista  riaprirò i corsi, i laboratori, gli educational, e avrò tutte le ricette che ora testo restando a casa.

Mi piacerebbe avere anche le vostre.

Voi avete ricette da condividere con me? Le aspetto!

Foglie di scarto

Ingredienti: foglie dei ravanelli (o delle rape), aglio, alghe, peperoncino, olio evo

Sciacquate le alghe e lasciatele in ammollo qualche minuto perché rinvengano.

Scaldate in una padella l’olio e imbiondite l’aglio, aggiungete le foglie di scarto ben lavate e le alghe. Lasciate cuocere qualche minuto con una spolverata di peperoncino.

A me piacciono un po’ croccantine. Sono già saporite e inoltre ci sono le alghe, quindi non necessitano di sale aggiunto.

Le potete usare come contorno al pesce o frullate da farne una crema per condire la pasta con in aggiunta qualche cappero.

Se poi ve ne rimangono sbattete due uova e mettetele in una frittata.

Oppure…. Cosa vi  suggerisce la  fantasia?

Lo zucchero per la vicina

#iorestoacasa e chiacchiero al telefono con le amiche, ed anche con le vicine di casa.

Ho una vicina simpatica che ha un grande giardino sotto al balcone della mia camera da letto.

Quando mi cade di sotto il bucato, lei me lo riporta e dice che spera sempre di trovare nelle tasche un vasetto di marmellata.

Ogni tanto mi regala lunghi rami di menta e io tento di spacciarle del Kefir, senza risultato

Oggi mi messaggia e mi chiede se ho dello zucchero da prestarle.

Si sa, in queste lunghe giornate di #iorestoacasa qualcosa si deve pur fare, e una torta di mele è sempre un’ottima idea.

Non ho molto zucchero, quel che ho mi serve per la marmellata di arance e bergamotto che bolle sul fornello, ma 3 etti per la vicina li trovo!

Così metto lo zucchero in un sacchetto e il sacchetto dentro ad una sportina di carta coi manici, lego i manici al rotolo di spago e le calo giù la sporta dal balcone.

Lei prende il sacchetto e io recupero la sporta vuota riavvolgendo lo spago.

In tempo di #coronavirus  si ritorna alle vecchie abitudini, si ritorna alla solidarietà, all’amicizia, al sostegno reciproco.

Allora oggi vi racconto la ricetta della mia torta di mele, che non so se è la stessa della mia vicina.

La torta di mele è come il ragù, ognuno ha la sua ricetta.

fetta-di-torta-mele

TORTA DI MELE

Ingredienti: 5 mele, 3 uova, 250 gr zucchero, 300 gr farina, 150 gr burro, 1 bustina di lievito (scarso)

Pulisco le mele e le taglio a fette sottili con la mandolina, le spolvero con abbondante cannella.

Monto le uova con lo zucchero, aggiungo la farina e il burro sciolto e infine il lievito.

Quando è tutto ben amalgamato aggiungo le mele e mescolo.

Rovescio in una teglia unta, cospargo di zucchero di canna (che fa poi la crosticina) e inforno.

Forno già caldo a 180° per 45 minuti.

 

Pranzo saporito

In questi tempi di #iorestoacasa il vantaggio di vivere sola è anche quello di potersi permettere un pranzo semplice e saporitissimo a base di aglio.

Non so voi, ma io ho spesso bisogno di sapori forti che mi fanno sentire l’energia che scorre nelle vene, esattamente come la forza agli Skywalker.

Gli Aztechi ne mangiavano tanti, ma ora noi sappiamo che hanno vitamina C (utile in tempo di #coronavirus) e licopene che è un potente antiossidante.

Ma soprattutto quelli piccoli, i #datterini ad esempio, sono super buoni.

Allora una padella con coperchio, dei bei pomodorini, aglio e via alla giornata dell’alito.

Oggi un ricettina semplice e veloce che ci permette di passare il resto del tempo a leggere.

 

POMODORI IN PADELLA

Ingredienti: Pomodorini piccoli (datterini, ciliegini, pachino, a vostra scelta), aglio, rosmarino, olio, sale, pepe

Lavate i pomodorini interi, nel frattempo scaldate in una padella con coperchio, olio e aglio e qualche rametto di rosmarino.

Mettete i pomodorini e coprite. Lasciate cuocere 10 minuti, in modo che col calore la buccia dei pomodorini si spacchi e faccia un sughino saporitissimo. Salate e pepate.

 

Io li ho mangiati su pane tostato sul quale avevo grattato uno spicchio di aglio.

Non so se terrò lontano il #coronavirus, ma sicuramente le streghe non mi si avvicinano!

 

#iorestoacasa

La sfida è quella di aderire all’appello e di contribuire alle misure di contenimento del #coronavirus, promosse dalle autorità competenti, annullando o rinviando tutti gli incontri in programma e facendo la parte più importante: #iorestoacasa

I corsi di cucina al Garden sono sospesi, riprenderanno, ancora più fitti, ancora più interessanti, appena avremo vinto la sfida con il virus. Per me è un grande sacrificio, ma so che ci rivedremo tutti con tanta voglia di nuovo e di freschezza.

Nel frattempo #iorestoacasa e provo nuove ricette, studio gli ingredienti migliori per rafforzare il mio sistema immunitario (già che ce l’ho un po’ scadente).

Analizzo e collaudo ricette da fare con i bambini, così li teniamo impegnati, senza la solita TV.

Un po’ come quando ero piccola io, prima stavo con nonna a fare le frittelle, la crema, la piadina, poi guardavo “La nonna del Corsaro Nero”, poi pulivo i piselli o sbucciavo le patate. La Tv si accendeva solo ogni tanto, per il resto del tempo stava spenta e i nonni raccontavano e insegnavano.

Allora, facciamo così: ogni giorno vi racconto cosa far fare in cucina ai vostri bambini, oppure cosa cucinare per voi e per tutti qualcosa di semplice e sano, buono e saporito.

Divertitevi quando cucinate!

Pancake

PANCAKES ALL’ORIGANO

250 gr di farina di farro
250 ml di latte intero
2 uova
2 cucchiaini di lievito in polvere
1 cucchiaino di sale fino

1 cucchiaino di curcuma
Origano

Mescolare la farina e il sale.

Sbattere le due uova e successivamente aggiungere la farina e la curcuma.

Amalgamate e  aggiungete il latte continuando a mescolare.

Quando l’impasto sarà omogeneo, unite l’origano e il lievito.

Scaldate una padella antiaderente e cuocete i pancake versando 3 cucchiai di impasto quando sarà ben calda.

Cuoceteli 2 minuti per lato: capirete che vanno girati quando iniziano a fare le bolle nella parte che è ancora cruda.

Quando il pancake sarà cotto, toglietelo dalla padella e mettetelo su un piatto.

Mettete i pancake pronti uno sopra l’altro e copriteli con un canovaccio per mantenerli caldi, perché vanno serviti e mangiati caldi.

Terminata la cottura scatenate la fantasia dei bambini e lasciate a loro il compito di farcire con formaggio o altro (mia nipote li sovrasta di salmone)